Blog - Sciccosa Guest House

Event and News

Booking online by Hotel.BB

Tutto (o quasi) quello che dovresti sapere sulla mitologia e sulla fertilità siciliana

 

Sono tantissimi i miti e le leggende che interessano la Sicilia.

Il più famoso, è sicuramente il cosiddetto “mito di Aretusa”.

Aretusa era una ninfa al seguito di Artemide. Un giorno, correndo nei boschi del Peloponneso, il giovane Alfeo la vide e si innamorò di lei. Ma Aretusa non ricambiava il sentimento, e per questo, stanca del serrato corteggiamento, decise di chiedere aiuto alla dea Artemide. La Dea decise così di avvolgere la ninfa in una spessa nube, che disciolse poi in una fonte, sul lido di Ortigia. Alfeo chiese dunque aiuto agli Dei, affinché si potesse congiungere all’amata nella stessa forma. Gli Dei lo trasformarono in un fiume, che dalla Grecia e percorrendo tutto il Mar Ionio, si univa all’amata in forma di fonte.

La Fonte Aretusa è ancor oggi una delle maggiori attrazioni turistiche dell’isola di Ortigia. La leggenda di Alfeo trae origine dal fiume del Peloponneso, e da una fonte di acqua dolce (detta Occhio della Zillica) che sgorga nel Porto Grande di Siracusa, a poca distanza dalla Fonte della leggenda di Aretusa.

Un’altra leggenda particolarmente amata e conosciuta, è quella che vede coinvolta Persefone. Persefone, figlia di Zeus e Demetra, era intenta a cogliere fiori presso le rive del Lago Pergusa (nei pressi di Enna). D’improvviso, dal suo regno sotterraneo spuntò Ade, che, innamorato della fanciulla, decise di rapirla, per non dover chiedere la sua mano a Zeus. Ma Persefone non era sola, con lei era presente anche un gruppo di ninfe; e fu infatti proprio una ninfa, Ciane, ad opporsi al rapimento trattenendo il cocchio di Ade, che, indispettito, percosse la ninfa con il suo scettro, trasformandola in una doppia sorgente d’acqua turchese (‘cyanos’ in Greco vuol dire turchese).

Il giovane Anapo, innamorato della ninfa, si fece tramutare in fiume. Oggi, al termine del suo percorso, l’omonimo fiume unisce le sue acque a quelle del fiume Ciane, prima di sfociare nel Porto Grande di Siracusa.

Il fiume Aci, chiamato dai greci Akis, era un corso d’acqua che percorreva la Sicilia orientale; pare abbia dato il suo nome ai comuni che oggi occupano la zona (tra cui Acireale), ed è stato d’ispirazione per la creazione di un mito. Aci è un pastore, figlio di Fauno e Simetide. Secondo il mito, s’innamorò della ninfa Galatea ricambiato. Ma la ninfa era anche amata da Polifemo che, acciecato dalla gelosia, prese una roccia e uccise il giovane. Il sangue di Aci fu trasformato dall’amata in un fiume, e Galatea trasformò essa stessa in spuma di mare, per ricongiungersi con l’amato e stare con lui per sempre.

Probabilmente il mito s’ispirò al modo in cui il fiume sgorgava dalla sua sorgente; oggi, è difficile ricostruirne il corso, perché venne probabilmente spazzato via dall’eruzione del 1169. Alcuni credono invece, che Aci, o quello che rimane di Aci, possa essere il torrente Lavinaio, che passa appunto tra Acireale e Aci Catena.

Terminiamo, con il mito forse più conosciuto, anche fuori Sicilia: quello di Cariddi.

Noto mostro marino, Cariddi in realtà era una naiade, una ninfa d’acqua dolce. Figlia di Poseidone e Gea, un giorno rubò ad Eracle i buoi di Gerione e ne mangiò alcuni. Zeus la fulminò, facendola cadere in mare. La leggenda la situa presso uno dei due lati dello stretto di Messina, di fronte all’antro del mostro Scilla, presso Capo Peloro. In quel tratto di mare infatti, l’incontro delle correnti marine causa vortici di entità importante, che possono aver dato il via alla leggenda che sotto il mare abitasse un mostro dalla bocca vorace, Cariddi.

Il nostro excursus tra i miti e le leggende siciliane più famose termina qui.
Se vi è piaciuto, condividete l’articolo!

3 foto che raccontano la vera essenza della Sicilia (secondo noi)!

Le cose da vedere in Sicilia sono tante.

Per questo motivo, abbiamo voluto selezionare tre foto bellissime che, secondo noi, racchiudono e incarnano alla perfezione lo spirito siciliano.

Buona visione!

1. Il porto di Ortigia

Ortigia è una piccola isola che racchiude il centro storico di Siracusa, il suo porto è davvero incredibile perché è un approdo privato costituito da pontili galleggianti e una capacità di ormeggio di 150 barche, tutte colorate, tutte bellissime!

2. Il teatro antico di Taormina

A partire dagli anni cinquanta il teatro è stato impiegato come struttura teatrale all’aperto per varie forme di spettacolo che spaziano dal teatro ai concerti, dalle cerimonie di premiazione ai concerti sinfonici, dall’opera lirica al balletto. Dal 1983 è sede di Taormina Arte, manifestazione di spettacoli che si svolge tutti gli anni nel periodo estivo, e del Taormina Film Fest.

3. Il borgo di Cefalù

Cefalù è una rinomata località balneare siciliana, ed è stata inserita tra i borghi più belli d’ Italia. Si trova in provincia di Palermo, tra le cose assolutamente da vedere c’è il Duomo della città, il borgo e le spiagge.

La Sicilia è proprio così, ogni angolo è come una foto da cartolina.

Se stai pensando di trascorrere le tue vacanze nella nostra bella isola, Sciccosa Guest House può essere il trampolino di lancio per immergerti nella cultura sicilina.

Contattaci per saperne di più!

CHIAMA!

3 idee per trascorrere un wekeend lungo in Sicilia

Un weekend romantico in Sicilia di pace e relax proprio ci voleva.
Se hai già prenotato il volo e ti accingi a organizzare tutto il resto, questi suggerimenti su cosa puoi fare in Sicilia durante un lungo weekend, ti torneranno utili!

Fai un’immersione” nel Barocco siciliano

Chiese imponenti e magnifici palazzi. Il barocco siciliano ha lasciato un segno indelebile nella Val di Noto. È questa la patria di un’architettura unica, resa ancora più particolare dall’uso della pietra calcarea locale che sfuma dall’oro al rosa. Visita la città di Noto, dove i palazzi sono maestosi. L’asse principale è Corso Vittorio Emanuele, scandito da tre piazze ognuna delle quali ospita una chiesa. Raggiungi, verso sud-ovest, la cittadina di Modica, dove potrai assaggiare il famoso cioccolato. Visita il suo particolare centro storico, dove le grotte della collina sono state inglobate nelle costruzioni. Fermati al Duomo di San Giorgio, uno dei migliori esempi della declinazione siciliana del Barocco. Infine, termina il tour a Ragusa. Simbolo della città è il Duomo di San Giorgio nella zona Ibla, con la sua facciata monumentale a torre. Passeggia per Via Roma, e attraversa i ponti della città.

Trascorri qualche giorno tra i canyon siciliani

Sei un amante del trekking? Allora non perderti un weekend tra i canyon siciliani. Raggiungi da Catania le Gole dell’Alcantara, gigantesche rocce di basalto scuro formate da colate di lava e scavate dalla fredda acqua di un fiume. Il nome Alcantara deriva dall’arabo Al Qantarah che significa “ponte ad arco”, in riferimento ad un antico ponte romano. Qui avrai diverse possibilità di trekking in un contesto paesaggistico assolutamente unico. Inoltre, potrai percorrere il parco fluviale a cavallo su tre diversi itinerari: da Castiglione di Sicilia a Naxos, da Randazzo a Castiglione di Sicilia o da Floresta a Randazzo.

Alle pendici dell’Etna

L’Etna è unico. Il più grosso vulcano d’Europa in attività, ti può regalare un weekend dalle forti emozioni. Sali in funivia, raggiungi con la tua dolce metà il cratere e ammira la lava e gli zampilli. Il tutto in un paesaggio lunare dall’incredibile fascino. Ridiscendi dalla montagna e scopri le spiagge di Taormina. Cammina mano nella mano per il centro storico. Scoprirai l’imponente Teatro Greco, con la sua caratteristica forma semicircolare, il Tempio Greco e il Museo Archeologico. Raggiungi, quindi, Giardini-Naxos con la sua spiaggia e la Chiesa di Santa Maria Raccomandata, oltre all’imponente Castello di Schisò. Prosegui verso Catania e attraversa Acireale e Acicastello. Della prima scopri il centro storico, della seconda il castello normanno, realizzato interamente con pietra lavica. Infine, visita Catania, con il suo centro storico barocco. Assaggia qui i tipici arancini e i tanti piatti di ottimo pesce.
Come vedi, se vieni in Sicilia, le cose da fare e da vedere non mancano!
Se deciderai di trascorrere il yuo lungo weekend alle pendici dell’Etna, vieni da Sciccosa. 
La nostra guest house si trova a pochi km dal centro e dalle spiagge di Taormina e offre una spettacolare vista sul mare, Taormina e Castelmola.
Contattaci per sapere di più.

Chiedimi se sono felice quando vengo in Sicilia: storia di Elisa, una visitatrice assidua della nostra bella isola

Ho visitato la Sicilia Orientale e ne sono rimasta completamente estasiata.

Il mio è stato un itinerario storico-culturale che parte dai romani e arriva fino al barocco.

È adatto agli amanti delle città d’arte che vogliono fare una vera full immersion alla scoperta di luoghi incantevoli.

Questo itinerario è da percorrere preferibilmente in auto, poiché sono previsti diversi spostamenti (ma vi posso assicurare che anche i semplici spostamenti tra una città e l’altra hanno molto da offrire).

In totale si percorrono circa 354 km.

Non è un itinerario stressante, ho cercato di concentrare il meglio da vedere in zona in 7 giorni, senza però andare di corsa.

Perché la Sicilia non va solo vista ma anche vissuta!
Penso che tutti su questo punto siamo d’accordo.

Primo giorno: Piazza Armerina, Villa del Casale, Morgantina e Aidone

La Villa del Casale di Piazza Armerina è probabilmente uno dei luoghi simbolo della Sicilia. Una tappa imperdibile che ci porta alla scoperta di un’antica villa romana, appartenuta ad una potente famiglia, divenuta famosa per i suoi pavimenti interamente ricoperti da bellissimi mosaici, che riprendono scene di vita quotidiana, scene di caccia, personaggi illustri, divinità, e molto altro ancora. Con un biglietto cumulativo, oltre alla Villa Romana, potete visitare: la vicina area archeologia di Morgantina, una delle meno conosciute in Sicilia ma a mio parere una delle più belle, totalmente immersa nella natura; il museo di Aidone, che custodisce molti reperti ritrovati a Morgantina, tra i quali spiccano capolavori come La testa di Ade e la Dea di Morgantina. Da non trascurare la città di Piazza Armerina, un piccolo gioiello di chiese e palazzi storici, tutti da ammirare.

Secondo Giorno: Caltagirone e Ragusa

Abbandoniamo il periodo greco-romano e immergiamoci in quello tardo barocco tipico delle città del Val di Noto. Caltagirone, città della ceramica e dei presepi, è una piccola città tutta da vedere. Particolare è la Scalinata di Santa Maria del Monte, con le piastrelle in maiolica che riproducono motivi classici.
Ragusa, ed in particolar modo Ragusa Ibla, vi conquisterà con le sue stradine strette e tutte in salita, le chiese barocche, vedute panoramiche dall’alto e un’atmosfera magica soprattutto al tramonto e alla sera.

Terzo Giorno: Modica e Scicli

Ci sono tanti motivi per visitare Modica. Innanzitutto per le sue splendide chiese barocche da ammirare sia fuori che dentro. Poi per il cioccolato tipico di questa zona, da assaggiare in tantissime cioccolaterie storiche nella zona. E poi perché è una città veramente deliziosa.
Poco lontana da Modica troviamo un altro gioiello del barocco siciliano, Scicli, divenuta famosa perché location principale della fiction sul Commissario Montalbano. Da visitare con calma, strada dopo strada.

Quarto Giorno: Noto e Palazzolo Acreide

Noto non ha certo bisogno di presentazioni è la capitale del barocco siciliano ed una delle mete cult di chi vuole visitare questa zona. Non a caso la via principale del centro storico è sempre affollata di gente.
A pochi km da Noto si trova Palazzolo Acreide, città che a me piace tantissimo (non a caso ci sono stata più volte e non a caso ci tornerò). Tra teatro greco, quartiere medievale, chiese e palazzi barocchi, di cose da vedere ce ne sono moltissime. Inoltre la città è fortemente legata a tradizioni religiose che ogni anno vengono onorate con feste molto sentite e partecipate.

Quinto Giorno: Siracusa

Forse un solo giorno non è sufficiente per scoprire Siracusa. È una città che negli ultimi anni ha saputo valorizzare il suo immenso patrimonio, dove tra l’altro è assai piacevole passeggiare a tutte le ore del giorno. Da visitare sia la zona archeologica, tra le più belle in Sicilia, sia l’antico mercato, sia la bellissima Piazza del Duomo.

Sesto Giorno: Catania

Anche in questo caso visitare Catania in un giorno è un po’ riduttivo, perché la città etnea ha moltissimo da offrire. Se ne avete la possibilità vi consiglio di trascorrerci almeno un fine settimana. Catania è una città magica, sormontata da questo vulcano così suggestivo che si riesce ad ammirare da più parti in città, e con uno stile barocco che tocca i massimi vertici.

Catania è sicuramente una città che riesce a trasmettere molte suggestioni. Distrutta per ben 9 volte da terremoti, eruzioni vulcaniche e guerre, è stata sempre ricostruita più bella di prima e il suo fascino è indiscutibile.

Dal 2002 è patrimonio UNESCO insieme alle città della Val di Noto che sono state rase al suolo dal terremoto del 1693 e ricostruite in stile tardo barocco.
Catania è una tappa imperdibile se decidete di visitare la Sicilia.

Qui di seguito voglio suggerirvi le cose assolutamente da vedere:

  • Piazza del Duomo
  • Fontana dell’Elefante
  • Duomo di S. Agata
  • Casa Natale di Giovanni Verga
  • Teatro Greco Romano
  • Teatro Massimo Bellini
  • Via Etnea
  • Piazza dell’Università
  • Giardino Bellini

Settimo Giorno: Aci Trezza, Aci Castello, Taormina

A pochissimi km da Catania si trovano Aci Trezza(città protagonista de I Malavoglia di Verga e famosa per i faraglioni creati da Polifemo) e Aci Castello, con un bellissimo castello sul mare e una vista panoramica senza eguali. Spostandosi un po’ più a nord si arriva fino a Taormina, località turistica tra le più famose in Sicilia, sempre affollata di turisti, con le sue viuzze tipiche ed i tanti negozietti dove acquistare di tutto. Da vedere assolutamente il Teatro Greco, con la sua vista panoramica sul mare e sull’Etna.

L’itinerario di 7 giorni finisce qui, se anche voi vorreste visitare la nostra bellissima isola e fare una full immersion come quella di Elisa, alloggiate nella nostra guest house!

Prenotate una stanza verificando la disponibilità qui

9 ragioni per cui dovresti visitare la Sicilia

Sono tanti i motivi per cui dovresti visitare la Sicilia e in questo articolo che ti appresti a leggere troverai almeno 9 buoni motivi per prendere l’aereo e atterrare qui.

1. Le isole

Ci sono dozzine di isole che circondano la Sicilia. In particolare le Isole Eolie, le Isole Ciclopi, le Isole Egadi e le Isole Pelagie. Visitarne qualcuna se stai pianificando di venire in Sicilia non è affatto una brutta idea.

2. I vulcani

Ci sono 30 vulcani attivi e inattivi in Italia, e un terzo di questi si trova in Sicilia. I più attivi sbuffano e fumano e sono così onnipresenti, i nostri ospiti possono vedere l’Etna mentre fanno colazione. Visitare questo vulcano magnifico alloggiando a Taormina è facilissimo ed è un’esperienza che consigliamo a tutti.

3. I voli facili

Puoi atterrare all’aeroporto di Palermo o di Catania, i voli sono frequenti e sono soprattutto economici.

4. Alloggi low cost

Puoi soggiornare in palazzi storici, ville e alberghi in Sicilia, ma è anche possibile trovare un ottimo rapporto qualità-prezzo nei piccoli boutique hotel presenti in tutto il territorio.

5. Le rovine greche

Le rovine greche più importanti si trovano in Sicilia. Visita il Teatro Greco di Taormina, la Valle dei Templi di Agrigento (il più grande sito archeologico del mondo a 1.300 ettari) e i Templi dorici di Atena e Apollo a Siracusa.

6. Il cibo

Qui in Sicilia il cibo ha un sapore straordinario, ci sono tantissime specialità da provare. Una degno di nota è la granita! È fatta con frutta fresca oppure con mandorle, pistacchio e cioccolato.

7. Le spiagge

Ci sono tantissime spiagge qui. La Sicilia ha oltre una dozzina di isole, quindi è incredibile il numero di spiagge presenti e sono anche molto diverse tra loro. C’è la sabbia bianca nella zona della Scala dei Turchi, vicino ad Agrigento, c’è la sabbia nera nelle Isole Eolie (grazie a minerali vulcanici e frammenti di lava).

8. Paesaggi agricoli

La Sicilia è sorprendentemente agricola. Noterai particolari muretti a secco, innumerevoli campi di grano rotolanti, pecore e mucche che riposano sotto gli alberi di carrubo e frutteti in ogni dove.

 

9. La storia e la cultura

Ci sono 7 siti del patrimonio mondiale dell’Unesco in Sicilia. Questi sono punti di riferimento o aree selezionate dalle Nazioni Unite come culturali, storiche, scientifiche o di altro tipo, e sono legalmente protette dai trattati internazionali. L’Italia ha 54 siti Unesco, 7 dei quali si trovano in Sicilia.

La lista dei motivi per venire in Sicilia potrebbe continuare, ma noi ci fermiamo qui.

Se questa estate stai pensando di venire in Sicilia, Sciccosa Guest House può essere il tuo trampolino di lancio perfetto per immergerti nella cultura siciliana.

Verifica la disponibilità delle camere.

VERIFICA ORA

Come trascorrere un intera giornata a Taormina

Se non hai sentito parlare di Taormina, è una città Patrimonio dell’Umanità UNESCO spettacolare arroccata sul fianco di una montagna vicino ai piedi del vulcano Etna. Situato sul lato est dell’isola, con l’aeroporto più vicino a Catania, è facile capire perché Ernest Hemingway (a quanto pare) ha detto “è così bello che fa male a guardare”.

Una vera città siciliana

Taormina ha tutti i cliché siciliani che troverete, in ogni dove. Se girate l’angolo noterete pile di casse traboccanti di agrumi e limoni giganti. Le vetrine dei negozi sono piene di cannoli e ci sono innumerevoli gelaterie.

Vale il 100% per un pit-stop di un giorno. La città merita una visita non solo per il suo antico teatro archeologico, ma anche per gli splendidi giardini, per osservare la gente e i panorami mozzafiato. Puoi anche andare in spiaggia per una passeggiata a Isola Bella.

E la vista …

I panorami a Taormina sono qualcosa di speciale. Ovunque tu giri, ne hai uno. Che si tratti delle dolci colline con case siciliane che sogni di vivere in un giorno o del Mar Ionio con i suoi scintillanti colori turchesi.

Girovagare per la città lungo il Corso Umberto alla scoperta di gallerie d’arte, boutique e negozi di souvenir che vendono cianfrusaglie siciliane e souvenir, questa famosa strada si estende da Porta Messina, una porta all’estremità nord della città, fino a Porta Catania, una porta all’estremità sud del cittadina.

Il cibo è tutto!

In Italia, e in particolare in Sicilia, il cibo è TUTTO. Gioca una parte enorme della vita di tutti i giorni e nessun viaggio sarebbe completo senza provare tutti i suoi piatti tradizionali.

Un giorno non è sufficiente per visitare Taormina, ti consigliamo di fermarti per almeno due o tre notti, scopri le offerte per i fine settimana della nostra guest house.

Clicca qui:

I posti più panoramici in Sicilia

La Sicilia è un luogo straordinariamente bello ed è sede di paesaggi mozzafiato, architettura incredibile e montagne meravigliose.
Se hai intenzione di andare in vacanza in Sicilia, presto ti chiederai quali destinazioni devi assolutamente visitare.

La buona notizia è che abbiamo fatto delle ricerche e abbiamo creato un elenco delle aree più panoramiche da visitare in modo da permetterti di scoprirle.

Etna e Taormina

Se è comfort e relax che stai cercando, Etna e Taormina fanno per te.Scoperta nel tardo XVIII secolo, Taormina è una città che si trova in cima a una collina sulla costa orientale della Sicilia. Seduta vicino all’Etna, la città ospita un antico teatro greco-romano tuttora utilizzato. Drammatiche scogliere si dirigono verso il mare e le spiagge sabbiose della Sicilia che sono perfette se desideri fare una piacevole passeggiata.
Con un clima incredibilmente bello che permette ai bellissimi fiori di crescere con facilità e con edifici in pietra colorata o bianchi si ha quella sensazione di mediterraneità che i visitatori sembrano amare. Prendi in considerazione le case-vacanza in Sicilia con piscina in zona tra le opzioni di alloggio per immergerti veramente nell’atmosfera glamour della costa orientale della Sicilia.

Siracusa

Circondata dal mare da tutti i lati e una volta casa da Archimede, Siracusa è una città così affascinante che è necessario visitarla almeno una volta nella vita. Sia che tu abbia scelto una villa in affitto in Sicilia, che tu stia in un elegante hotel o che tu abbia prenotato un bed and breakfast, se hai bisogno di una scusa per lasciare il tuo alloggio per la giornata, visitare Siracusa è una buona scusa. Con un teatro del V secolo aC, una cattedrale e un tempio greco questa città ha certamente tutto. Questa parte della Sicilia è così popolare che alcuni visitatori decidono di acquistare una seconda casa qui ed è facile capire perché quando inciampi nell’incredibile architettura della città, nei paesaggi mozzafiato e nelle strade che sono intrise di storia. Lascia che la brezza mediterranea cada sulla tua pelle mentre cammini intorno alla città antica secondo il tuo ritmo.

Palermo

Con una storia impressionante che collega Palermo ai romani, ai greci bizantini, agli spagnoli, ai normanni, ai fenici e agli arabi, la capitale della regione merita sicuramente una visita. Questa città è una miscela di molte culture diverse e questo è chiaro da vedere mentre ti fai strada lungo le strade architettonicamente mozzafiato che sono fiancheggiate da palme che siedono quasi fianco a fianco con eleganti alberi di pere. La chiesa della Martorana merita una visita per i suoi mosaici del XII secolo e i palazzi barocchi sono da non perdere. Fermati per un pranzo in uno dei tanti eleganti ristoranti di Palermo e immergiti nell’atmosfera antica che è a dir poco intrigante.

Mentre la Sicilia è la patria di alcune bellissime città, pensiamo che Taormina, Siracusa e Palermo siano i luoghi più panoramici della zona e meritano quindi una visita in questa splendida parte del Mediterraneo.

Sciccosa Guest House è un trampolino di lancio per immergersi nella tradizione siciliana e visitare le città di cui abbiamo appena parlato.

Prenota una camera nella nostra guest house!

Lettera d’amore di una sconosciuta per Taormina

Pubblichiamo qui di seguito alcune righe di una nostra ospite che ha amato particolarmente Taormina durante il suo soggiorno in Sicilia.

Buona lettura!

“Taormina, la Sicilia è uno dei posti più belli che abbia mai visitato in tutta la mia vita.

Taormina è appollaiata sul bordo di una montagna, ma è possibile vedere la splendida costa. Rotolando con i fiori. Le strade sono strette e affascinanti.

Taormina ha Isola Bella, una pittoresca isoletta che è stata trasformata in una riserva naturale.

Taormina ha una storia antica.

A partire dal XIX secolo, Taormina divenne un punto di riferimento per gli artisti del resto d’Europa. L’elenco illustre comprende: Oscar Wilde, Richard Wagner, Goethe, Nietzsche, Bertrand Russell, Henry Faulkner, Tennessee Williams, Roald Dahl, Evelyn Waugh e Truman Capote.

Ma la sua ricca storia, e oggi molti turisti attraversano Taormina per una ragione completamente diversa: “Il Padrino”.

C’è una città in Sicilia chiamata Corleone, ma ‘The Godfather’ non è stato girato lì.

È stato girato in provincia di Messina e a Taormina. Soprattutto i due piccoli villaggi di Savoca e Forzà d’Agrò appena fuori Taormina sono bellissimi.

E poi il cibo è fantastico.

Arancini, primi piatti di pesce e i dolci sono superbi.”

Se anche tu vorresti vivere un’esperienza come questa, puoi fare di Taormina il tuo trampolino di lancio per esplorare tutta la Sicilia.

Prenota una camera nella nostra guest house, mandaci una mail ad info@sciccosa.com

Tutto quello che devi portare con te durante le tue vacanze in Sicilia

Cosa devi mettere in valigia è in questo articolo! Continua a leggere!

SCEGLI UN PAIO DI SCARPE COMODE

Questo è essenziale. Anche se dovessi lasciare per sbaglio l’intera valigia a casa e potresti prendere solo una cosa: un paio di scarpe comode e comode sarebbe quello che vorresti.

METTI IN VALIGIA QUALCOSA DI CHIC

Giusto un paio di vestiti. Seriamente, la Sicilia è uno di quei posti dove si può essere disinvolti, ma poi evitare abiti eccessivamente turistici (es. Giacca a vento, scarpe da ginnastica, ecc.).

QUANDO COMPRI VESTITI, CONSIDERAI TESSUTI

Ti suggeriamo di portare con te prevalentemente tessuti naturali in valigia. Concentrandoti su lino, seta, lana, cashmere e altri tessuti naturali, scoprirai che ti sentirai molto più a tuo agio.

ALTRE COSE DA PORTARE CON TE:

  • Una giacca leggera
  • Scarpe comode ariose (sandali)
  • Scarpe da ginnastica
  • Un paio di shorts / gonne
  • Alcuni top
  • Un paio di abiti / tute
  • Un vestito elegante
  • Occhiali da sole

Noi speriamo che questa piccola guida ti sia di aiuto mentre stai preparando la tua valigia per venire in Sicilia.

Ti auguriamo che la tua estate sia “sciccosa” tanto quanto la nostra.
Buone Vacanze da tutto lo staff

I migliori consigli per viaggiare da soli

Viaggiare da soli? Perché no?

Ecco i migliori suggerimenti da seguire se quest’estate vuoi affrontare un viaggio da solo o da sola secondo Sciccosa Guest House

Ci sono cose che si imparano solo dopo aver viaggiato per tanto tempo da soli puoi conoscere. Per questo motivo, abbiamo raccolto i consigli di amici, parenti e ospiti sul viaggiare da soli e li abbiamo messi nero su bianco in questo articolo.

Se stai pianificando un viaggio da solo o da sola, continua a leggere, renderanno il tuo viaggio più piacevole!

Il primo consiglio è “meno è meglio” quando fai la valigia.

Il vecchio detto “Puoi indossare solo un paio di jeans alla volta” è straordinariamente vero, inoltre, il tuo paio di jeans preferito sarà sempre il tuo preferito anche quando sei in viaggio. Porta l’indispensabile, specialmente se vorrai spostarti da città in città e non puoi rischiare di avere troppi bagagli.

Sei in cerca di avventure? Non pianificare tutto proprio tutto.

Abbandona le liste ogni tanto. Questo è il nostro secondo suggerimento se viaggi da sola o da solo, il bello di viaggiare per conto proprio è questo: poter decidere liberamente di fare quello che si vuole.

Non aver paura di farti amici nuovi perché viaggiare da soli comporta conoscere sempre nuove persone. Se non sei una persona molto socievole, il nostro terzo consiglio è di buttarti qualche volta.

Non c’é giusto o sbagliato.

Questo è il nostro quarto consiglio. Molto spesso ci sono delle esperienze che vengono definite “solo per turisti” e che se sei un vero viaggiatore non dovresti fare, ma non è sempre così.
Come abbiamo detto, non c’è giusto o sbagliato c’è solo quello che vuoi fare tu e che ti porta gioia.

Fai tante foto dove tu non sei il protagonista

Molto spesso viaggiare da soli significa non avere nessuno che ti fa le foto, ma il nostro quinto consiglio è di farle comunque perché rivedere quei luoghi quando sarai tornato ti tornerà utile per ridarti la forza di partire ancora da solo per un’altra avventura.

Porta un libro con te, ti sentirai meno solo

Un libro è sempre un buon compagno di viaggio quando c’è da aspettare sul treno o sull’aereo o perfino davanti ad una tazza di caffè al bar.

La nostra lista di consigli termina qui, ma nelle prossime settimane pubblicheremo tanti altri articoli come questo che speriamo apprezzerete.

Ti sono piaciuti questi consigli?
Noi speriamo ti torneranno utili se deciderai di viaggiare da solo o da sola questa estate.

Le porte della nostra guest house sono aperte, se ti venisse in mente di fare un salto qui, la nostra Patrizia, dolcissima padrona di casa, ti darebbe le dritte giuste per visitare la Sicilia, un’isola perfetta per chi ama viaggiare in solitaria.

Prenota una stanza adesso, sono rimaste le ultime disponibili per la stagione estiva.

Contattaci mandandoci una mail ad info@sciccosa.com o chiamaci direttamente allo 0942 23715!